venerdì 24 dicembre 2010

L'amore riforma

Il Senato approva. Dopo mesi di passaggi parlamentari, critiche, polemiche, manifestazioni, duri scontri, finalmente la Gelmini avrà il tempo di leggere la riforma che porta il suo nome.

Nei giorni precedenti, avevano fatto molto discutere le parole di Gasparri. Bello, no?

Dopo gli scontri del 14 dicembre, in vista delle nuove manifestazioni, il governo aveva fornito alle forze dell'ordine nuovi mezzi. Tanto c'era il fine per giustificarli.

Alemanno: "Il centro di Roma non si tocca". L'ha già promesso al cugino.

Sempre il sindaco di Roma: "Si sta facendo di tutto per una manifestazione pacifica. Mannaggia".

"Auspico che la città non venga violentata" ha dichiarato la Polverini, pronta al sacrificio.

Mazzuca (Pdl) ha proposto i braccialetti per gli studenti. Fichissimi.

Giovani IDV : "Parteciperemo e isoleremo i facinorosi" hanno dichiarato abbandonando la sede del partito.

Torna sulla scena anche l'ex-disobbediente Francesco Caruso. Ciò mi ha portato a riflettere sul fatto che a volte l'uso del manganello è doveroso.

I verdi propongono una raccolta di firme per l'abrogazione della riforma Gelmini. Loro tre hanno già firmato.

(I verdi propongono una raccolta firme. Saranno contenti gli alberi)

Gli studenti hanno protestato richiamando le cose in cui credevano quand'erano bambini: vestiti da Babbo Natale e con la Costituzione in mano.

Hanno manifestato distribuendo simbolici pacchi dono. Ma alla fine il pacco più grosso è spettato a loro.

5 studenti di studi orientali in sciopero della fame da tre giorni. E' un complementare.

Anche a L'Aquila universitari in piazza per la ricerca. Dei loro effetti personali.

Proteste anche a Isernia, a conferma del fatto che la contestazione assume controni sempre più fantasiosi.

Alcuni manifestanti hanno preso d'assalto una libreria Mondadori. Questa Saviano non gliela perdona.

Lanciata farina contro la sede Mediolanum. Per attirare l'attenzione del management.

A Palermo colpita una giornalista dell'Ansa. Stringata l'agenzia: "Ahia!"

Proprio mentre gli studenti manifestavano, in un cantiere della Sapienza moriva un operaio tunisino. C'è sempre qualcuno con meno futuro.

Mentre migliaia di giovani erano in piazza, gli studenti veri erano a casa a studiare. E gli operai veri nei cantieri a morire.

La Riforma Gelmini è arrivata in Senato senza relatore. Si presentava da sola.

Durante la votazione degli emendamenti, si è scatenata un'ignobile gazzarra in Senato che ha impedito il regolare svolgimento della bagarre di routine.


La presidente di turno, la leghista Rosi Mauro, è stata incapace di mantenere l'ordine. Specie quando ha mostrato il pescato.

Quattro emendamenti del PD sono stati approvati a causa della confusione. Dalla quale provenivano. (cit.)


Insulti della maggioranza alla Finocchiaro, Gasparri costretto a scusarsi. Non erano a tempo.


La senatrice ha subito accettato le scuse. Due minuti dopo stava facendo lingua in bocca con Schifani.

La riforma prevede che i cda degli atenei avranno maggiori responsabilità su assunzioni e spese: spetterà a loro decidere come e quando non potersele permettere.

Aumenta inoltre la presenza dei privati. A causa delle numerose privazioni.

I docenti ordinari non potranno rimanere in cattedra oltre i 70 anni. Dalla nomina.

Nelle commissioni dei concorsi, potranno esserci anche prof stranieri. Nel ruolo dell'alternativa.

(Ormai il reclutamento è alla fonte)

Prof stranieri. Che modo curioso di chiamare gli osservatori dell'ONU.

Napolitano, comunque, potrebbe non firmare la legge. A suscitare ottimismo, il fatto che a mezz'ora dall'approvazione non l'aveva ancora firmata,



3 commenti:

  1. bellissimo...

    gianni

    RispondiElimina
  2. ma allora per lasciare un commento devo scegliere anonimo come profilo...?
    ci ho messo un po' ma alla fine ce l'ho fatta...non mi sono perso nessun post comunque...
    sono un tuo grande ammiratore!!!
    g

    RispondiElimina
  3. tu sei il mio punto g..ianni!
    sì, inizialmente mi ero dimenticato di abilitare i commenti per gli anonimi, poi l'ho fatto ( ma te l'avevo anche scritto su fb, mi pare)...

    ciao carino

    a prestino

    RispondiElimina