martedì 14 dicembre 2010

Gli errori

In giornate come questa, ogni volta non riesco a far altro che ripensare a queste parole, lette alla vigilia del voto del 2006.

"Capiamo di essere arrivati al punto.

Abbiamo sottovalutato come bizzarrie, esagerazioni, reazioni contingenti a difficoltà politiche e giudiziarie momentanee la citazione biblica dell'Unto del Signore, rovesciata nell'Unto del Popolo; le minacce ai giudici affinchè non si mettessero di traverso alla sua corsa politica, legittimata dal popolo; la pretesa di essere giudicato solo dal popolo o dai suoi "pari" (unti anch'essi?); il legame simbolico stretto direttamente con "gli italiani" per mezzo di un "contratto" che apertamente ignorava il Parlamento
Abbiamo sottovalutato come esempio di sottocultura politica l'elogio dell'illegalità; il linguaggio grossolano e finto colto, i gesti scurrili, le volgarità studiate a tavolino o dal sen fuggite, la ripetizione ossessiva di concetti semplici, banali e triviali, l'assenza pressochè totale di autoironia, di senso critico e di consapevolezza della complessità dei problemi.
Abbiamo persino pensato che la televisione -il carattere infimo degli spettacoli d'intrattenimento addirittura più che l'informazione politica- non avrebbe influito sul nostro carattere, non l'avrebbe corrotto. Abbiamo pensato che le leggi ad personam servissero a togliere lui e i suoi da guai momentanei e che, passato il momento, saremmo tornati alla normalità.
Abbiamo pensato tutto questo e ora, ricapitolando gli anni passati, dobbiamo riconoscere che abbiamo sbagliato.
Non è sottocultura; è un'altra cultura. Non è la difesa nelle difficoltà, è un sistema che, come tutti i sistemi, aspira a normalizzarsi. Non è democrazia ma è demagogia, un regime insidioso che si nasconde sotto apparenze ingannevoli. Il popolo che si vuole che sia non è quello che sceglie, che decide, che discute, che approva o disapprova, promuove o boccia i suoi rappresentanti. è invece il popolo non che agisce ma che reagisce, non si esprime da sè ma è sondato, messo in movimento e aizzato al momento opportuno....Quale che sia l'esito delle prossime elezioni, con questo rovesciamento avremo a che fare..." (G. ZAGREBELSKY, marzo 2006).

8 commenti:

  1. stiamo vivendo nella sua personale repubblica di salò, ancora qualche mese d'illusione e pazzia e poi tutto finirà: un bel piazzale loreto molto molto soft, senza cappi, senza teste all'ingiù, senza sputi ma magari con viaggio di sola andata verso Antigua.
    Il vero problema è che partigiani non ci sono, tutto si concluderà per esaurimento ed i vari repubblichini (Gasparri, Larussa, Bondi...) troveranno un nuovo Duce da adulare

    RispondiElimina
  2. ti quoto su tutto, maurone. Con un'aggiunta: ogni duce che passa, lascia ulteriori danni. Che si aggiungono a quelli non riparati dei duci precedenti.

    RispondiElimina
  3. Zagrebelsky? Beh, deve per forza aver visto giusto, uno che c'ha un cognome così... polacco.
    ;)

    RispondiElimina
  4. la cara vecchia saggezza polacca ;)

    RispondiElimina
  5. Un'analisi simile, penso al riferimento agli spettacoli televisivi, al linguaggio finto colto, all' "altra cultura" emergeva anche nel coevo "Il Caimano" di Nannimoretti.
    paolo

    RispondiElimina
  6. Sì paulune... Infatti queste parole di Zagrecc... sono estratte da un suo articolo su Micromega a commento/recensione proprio del Caimano.

    RispondiElimina
  7. un attimo: ma sei il paulune che penso? se non lo sei, piacere:)
    Se lo sei, ti ucciderò.

    RispondiElimina
  8. Scusa per la tarda risposta, ma non credo d'essere il paulune che pensavi, solo un curioso lettore del forum che ha fatto clik sul link :)
    paolo

    RispondiElimina